Paper against Cement: side event to 3rd International Printmaking Triennial of Beograd 2017

triennale_catalog_1 triennale_catalog_2

Paper against Cement

by Alberto Balletti and Marco Trentin

Galerija ŠTAB – Crnogorska 10 – Beograd

With the patronage of the 3rd International Printmaking Triennial of Beograd and of the Academy of Fine Arts of Brera, Milan

Paper against Cement: a challenge to a wall of cement, a structure of signs being set up on the modern walls of an architectural fortress. To the intersection between the Danubio and the Sava, our sheets of paper arrangement to the bases of the arcs of the bridges.

Paper against Cement: the graphics that is able to combine, to connect, to tune proximities and distances that for a long time they ask us to be provoked for being motive for new visions.

Paper against Cement: to find an alliance between signs of project and signs of expression, inside a human sketch as sum of so many breaths.

Size Paper 100×70 Artist in Exhibition: Alberto Balletti, Ana Brumat, Giulia Gentilcore, Leonardo Marenghi, Giuseppe Pernigotti, Gianluca Rossitto, Alice Russo, Giuseppe Vigolo, Marco Trentin, Jue Wang, Vincenzo Zancana

Paper against Cement: una fida a un muro di cemento, una struttura di segni allestita sulle moderne pareti di una roccaforte architettonica. All’incrocio tra il Danubio e la Sava, i nostri fogli di carta sfidano le basi degli archi dei ponti.

Paper against Cement: la grafica che può accumunare, collegare, connettere vicinanze e distanze che da sempre chiedono di essere provocate per essere motivo di nuove visioni.

Paper against Cement: per trovare un’alleanza tra segni di progetto e segni di espressione, dentro un disegno umano come somma di tanti respiri.

triennale_catalog_3 openprogr
paper_vs_cement_cover paper_vs_cementlogos

dscn0868 dscn0869 dscn0876 dscn0877 dscn0878 dscn0879 dscn0880 dscn0881 dscn0882 dscn0883 dscn0884 dscn0893 dscn0897 dscn0915 dscn0916 dscn0917 dscn0933 dscn0934 dscn0935 dscn0941 dscn0942 dscn0943 dscn0944 dscn0948 dscn0971 dscn0972 dscn0979 dscn0987 dscn0991 dscn0992 dscn0993 dscn0998 dscn1105 dscn1106 dscn1107 dscn1108 dscn1109 dscn1112 dscn1113 dscn1114 dscn1117 dscn1118 dscn1119 dscn1120 dscn1121 dscn1122 dscn1125 dscn1126 dscn1127 dscn1128 dscn1129 dscn1130 dscn1132 dscn1133 dscn1134 dscn1135 dscn1136 img_3537

The artists are from the Academy of Fine Arts of Brera, Milan and of the Academy of Fine Arts of Venice: students, professors, printmakers and tutors: all artists working on print paper.

The artists exhibiting are Alberto Balletti, Ana Brumat, Giulia Gentilcore, Leonardo Marenghi, Giuseppe Pernigotti, Gianluca Rossitto, Alice Russo, Marco Trentin, Giuseppe Vigolo, Jue Wang and Vincenzo Zancana.

The artists’ works were chosen in order to have a visual impact, and establish a relationship with the distinctive strength of the Galerija Stab’s raw cement walls. We trust in the ancient history of paper resistance!

This research project develops under the skin of the paper and over the cement moulding, between the imprints of human images. Paper VS Cement crosses the boundary wall that further curbs its identity. Our etchings are an opportunity to build a new urban skyline, whilst our fragments recall the memory. Etchings as a structure for the memory and etchings that represent time shared. Etchings that visually narrate human history on an equal footing.

The characteristic of Paper VS Cement is the unit of measurement of fragments of printed narrative: the format 70X100 cm of the print papers.

traslations Elena Beale

Paper VS Cement Team: Sanja Minic / Marina Guarneri / Marjan Andrejevic / Leonardo marenghi

Director Stab Marko Brun / Program Coordinator Stab Anja Petrovic

DJ Dowla

photo by Marco Trentin, Marina Guarneri e Alberto Balletti

   Works

zancana2

Vincenzo Zancana – Principio monoico 2017 – cyanotype, woodcut & etching

zancana

Vincenzo Zancana – Principio monoico 2017 – cyanotype, woodcut & etching

wang_jue_2_light

Jue Wang – S.T. 2016 – Ink-jet

wang_jue_1_light

Jue Wang – S.T. 2016 – Ink-jet

vigolo-xilografia-2017-misure-lastra-57-x-73-cm-contrastato-light

Giuseppe Vigolo – S.T. 2017 – Xilografia

vigolo-save-tonight-bulino-e-puntasecca-800x700mm-2012-light

Giuseppe Vigolo  – save tonight 2012 – etching

trentin2

Marco Trentin – Son of Bacchanal 2016 – xilografia and ink-jet

trentin1

Marco Trentin – Daughter of Bacchanal 2016 – xilografia and ink-jet

russo2

Alice Russo – Amorphous project 2017 – etching

russo1

Alice Russo – Amorphous project 2017 – etching

rossitto_gianluca_02

Gianluca Rossitto – We Are Similar_Rabbit 2016 – electrografia

rossitto_gianluca_01

Gianluca Rossitto  – We Are Similar_Bear 2016 – electrografia

pernigotti_pelliccia_-tensione-sottocutanea

Giuseppe Pernigotti – Pelliccia – tensione sottocutanea 2016 – etching

marenghi_russian-oil

Leonardo Marenghi  – Russian oil 2016 – etching

marenghi_leo_imam

Leonardo Marenghi  – Thisty 2016 – etching

gentilcore2

Giulia Gentilcore – Ricordo primo e ultimo 2016 – etching

gentilcore1

Giulia Gentilcore – 46° 18’ 91.6” N / 8° 14’ 17.1” E 2016 – etching

brumat_ana_rogo

Ana Brumat – S.T.  2016 – etching

brumat_ana_2_light

Ana Brumat – Rogo 2016 – etching

balletti_stun_glow_xx

Alberto Balletti – stun Glow 2017 – etching and Ink-jet

balletti_over_confidence_beog

Alberto Balletti – over_confidence 2017 – etching and Ink-jet

Paper VS Cement 

Opening 28th April 2017 GALERIJA ŠTAB – Crnogorska 10, Belgrade – https://www.facebook.com/galerija.stab.beograd/

Paper VS Cement – mostra di grafica d’arte di formato 70X100 – è curata da Alberto Balletti & Marco Trentin e sarà evento collaterale della 3rd International Printmaking Triennial of Beograd 2017.

La mostra ha il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti di Brera e della International Printmaking Triennial of Beograd.

Gli artisti in mostra provengono dall’ambiente delle Accademie di Belle Arti di Brera e di Venezia: artisti printmakers, studenti, professori e tutor di laboratorio: tutti artisti che lavorano su carta

Gli artisti in mostra: Alberto Balletti, Ana Brumat, Giulia Gentilcore, Leonardo Marenghi, Giuseppe Pernigotti, Gianluca Rossitto, Alice Russo, Marco Trentin, Giuseppe Vigolo, Jue Wang e Vincenzo Zancana.

Le opere degli artisti sono state selezionate per l’impatto visivo, dovendo stabilire una relazione con i possenti muri in cemento della Galerija Stab’s. Crediamo fermamente nell’antica storia della resistenza della carta!

Questo progetto di ricerca si sviluppa sotto la pelle della carta e sopra le colate di cemento, tra le impronte di immagini umane impresse.

Paper VS Cement attraversa il muro di frontiera oltre le limitazioni delle identità. Le nostre stampe sono un’opportunità per ricostruire lo skyline urbano, mentre i nostri frammenti ne richiamano la memoria. L’incisione come struttura della memoria e il segno inciso come rappresentazione del tempo condiviso. Segni che narrano visualmente la storia umana su un piano di parità.

La caratteristica di Paper VS Cement è l’unità di misura del frammento narrativo stampato sul format cm. 70X100 della carta da stampa

FB: https://www.facebook.com/Paper-against-Cement-1938765253001532/

https://www.facebook.com/galerija.stab.beograd/?ref=ts&fref=ts

http://trijenalegrafike.rs/?lang=en

Paper VS Cement: opening 28th April 2017 GALERIJA ŠTAB – Belgrade

 

una Stamperia al H-Campus in Progetto Borca (partner DC + H-FARM)

Dolomiti Digital Camp

con H-Campus in Progetto Borca

Location Villaggio Eni – Borca Di Cadore

Il Dolomiti Digital Camp, in partnership con H-Farm, Dolomiti Contemporanee e Minoter, ha organizzato due settimane di Laboratori sul digitale, tra arte e natura, nell’ex Villaggio Eni. Il Villaggio negli ultimi tre anni è noto per il processo di rigenerazione attraverso Progetto Borca coordinato e diretto in Dolomiti Contemporanee da Gianluca D’incà Levis.

Durante la seconda settimana del Camp, la giornata del 17 agosto è stato allestito un Laboratorio/Stamperia nel quale i ragazzi hanno preparato e stampato delle matrici con gli artisti di Dolomiti Contemporanee.

Giuseppe Vigolo e Alberto Balletti, coadiuvati dalle assistenti Valentina Cavion, Elena Grigoli, Monica Pasotto e Diana Taglio dell’Accademia di Belle Arti di Verona hanno introdotto alla grafica d’arte i ragazzi che partecipano al progetto formativo Dolomiti Digital Camp, nella sua singolare e efficace formula trasversale che media con i linguaggi artistici il digitale e il paesaggio della natura.

Sedie e tavoli del laboratorio sono stati realizzati durante il workshop con Casabella e proViaggiArchitettura due settimane fa.

Lo spazio è stato riallestito da Giuseppe Vigolo, che l’ha trasformato in un Laboratorio di incisione e stampa.

Il progetto ha reso comprensibile e praticabile ai ragazzi di età compresa tra i 10 e i 15 anni le nozioni base della preparazione di una matrice, l’inchiostratura e la stampa. Il progetto dell’artista Vigolo permette di comprendere, con deduzione immediata dal fare della stampa d’arte, la portata formativa del gestire la creazione di una immagine d’arte riproducibile.

L’esperienza che propone il Dolomiti Digital Camp può essere fondamento per la comprensione della portata del Progetto Borca e in generale della filosofia che ruota attorno al concetto di rigenerazione che negli anni ha caratterizzato l’azione di Dolomiti Contemporanee. Quando i linguaggi dell’arte e della progettazione dello spazio e della comunicazione sono messi in diretta con il fulcro della ricerca come condizione indispensabile del sapere umano condiviso, si ottiene l’universale, quella vibrazione tra individui dentro un progetto formativo che include superando le gerarchie. A queste condizioni si rigenerano luoghi, anche grazie a quegli artisti orientati al concetto di inclusione come atto e portato della comunicazione. Questi ultimi possono favorire le condizioni relazionali fondative dell’etica del fare arte, ponendole dal vivo con la formazione alla progettazione del se di giovani individui alle prime esperienze di condivisione.

articolo e photostory di Alberto Balletti

phBalletti001 phBalletti002 phBalletti003 phBalletti004 phBalletti005 phBalletti006 phBalletti007 phBalletti009 phBalletti010 phBalletti011

phBalletti012 phBalletti013 phBalletti014 phBalletti015 phBalletti016 phBalletti017 phBalletti018 phBalletti019 14086449_570024206510655_1808082230066250319_ophBalletti020 phBalletti021 phBalletti022 phBalletti023 phBalletti024 phBalletti025 phBalletti026 phBalletti027 phBalletti028 phBalletti029 phBalletti030 phBalletti031 phBalletti032 phBalletti033 phBalletti034

IMG_4519

www.dolomiticontemporanee.net/DCi2013/?p=16846

https://www.facebook.com/Progetto-Borca-297443300435415/photos/?tab=album&album_id=566483733531369

http://www.h-farm.com

La profezia della mostra NeoDogi: Luigi Brugnaro e il ritratto futuro di Venezia

bannerNewArticolo

La mostra collettiva NeoDogi, a cura di Alberto Balletti e Vittorio Urbani, con testi in catalogo di Tiziano Scarpa, Alberto Balletti, Vittorio Urbani, Alessandro Fiorentino, il 4 marzo 2016 aveva messo a fuoco un ritratto della città di Venezia che si è verificato essere preveggente. Il focus sul sindaco Luigi Brugnaro lo evidenziava al centro di un Pantheon ben nutrito di NeoDogi.

manifestanteBANN1light copy Nel mese di marzo 2016, dopo alcuni mesi di preparazione delle opere viene inaugurata all’Oratorio di San Ludovico in Dorsoduro la mostra NeoDogi. L’allestimento nel suo insieme consiste in un ritratto urbano della Venezia del sindaco Luigi Brugnaro. La cronaca ha confermato quanto fosse lucida la messa a fuoco sui ruoli e sulle figure del potere scelte per il ritratto della città. La mostra raccoglie 15 ritratti di persone importanti e molto influenti, apparentemente non così note e famose solo perché non frequentano con assiduità le trasmissioni televisive del piccolo schermo, eppure con incarichi che della città di Venezia decidono quotidianamente la sorte e il futuro. Esemplarmente rappresentanti degli industriali, della cultura, dell’ordine, della religione (la lista poteva essere più lunga). Sopra a loro, a rappresentarli tutti, un solo ritratto di politico importante: il sindaco Luigi Brugnaro.

Ecco la lista dei personaggi ritratti e il ruolo ricoperto: Luigi Brugnaro – Sindaco di Venezia, Paolo Baratta – Presidente Biennale Venezia, Vittorio Bonacini – Presidente Associazione Veneziana Albergatori, Paolo Costa – Presidente Autorità Portuale di Venezia, Domenico Cuttaia – Prefetto di Venezia, Giuseppe Fedalto – Presidente Camera Commercio Venezia, Maurizio Franceschi – Presidente Confesercenti, Enrico Marchi – Presidente SAVE aeroporto Marco Polo, Francesco Moraglia – Patriarca di Venezia, Roberto Papetti – Direttore Gazzettino, Maurizio Salvalaio – Presidente Casinò, Michael Thamm – A.D. Costa Crocere, Damaso Zanardo – Presidente Consorzio Portualità Intermodalità Logistica Venezia Treviso e Presidente e titolare Zanardo Servizi Logistici srl, Matteo Zoppas – Presidente Confindustria Venezia, Roberto Zuccato – Presidente Confindustria Veneto.

Questi sono i volti scelti per una mostra che rovescia l’assenza di commissione, l’assenza di mecenatismo, autoconvocando gli artisti al modello abdicato del ritrattista, quando in passato  erano funzionale socialmente nel testimoniare i volti dei potenti. Nel modello di ritratto urbano proposto dall’evento NeoDogi l’artista si autoinveste dell’output per una ritrattistica della nostra contemporaneità. E l’artista, si sa, anticipa! Il tutto nell’esercizio del libero arbitrio, della libertà di espressione, la dote residua dell’artista. Siamo ormai abituati a sentire affermare da critici usurati che l’intero sistema dell’arte ha superato i limiti della comprensione per la gente comune e che la bolla del mercato dell’arte è esplosa: si rischia di dimenticare il ruolo degli artisti. Nella mostra si riafferma l’immensa forza rimasta nelle loro mani: la forza del ritratto.

Una mostra collettiva per un precoce pantheon nel sobrio Oratorio di San Ludovico. In antitesi col fasto della città amata in tutto il mondo per le sue gondole. Nel confronto con la residua quanto difficile peregrinazione di chi la vive ogni giorno. Ironicamente alla gente, che un tempo si chiamava popolo, resta solo la famosa formula di presentazione e accettazione del doge neo eletto dell’antica Repubblica Veneziana: «Questi xe monsignor el Doxe, se ve piaze» «Costui è il nostro signore, il Doge, se vi piace»!

NUOVA_ICONA con motto

Vittorio Urbani, presidente dell’Associazione Nuova Icona, ha recepito e condiviso l’idea proposta dall’artista Alberto Balletti. La mostra è stata allestita nell’Oratorio di San Ludovico, spazio storico dell’Associazione culturale Nuova Icona. Un luogo dove da oltre vent’anni vengono allestite mostre all’avanguardia, oltre a essere uno spazio che ha ospitato padiglioni di Paesi alla loro prima partecipazione alla Biennale. Dal testo in catalogo di Vittorio Urbani: “La brillante idea di Alberto Balletti e degli artisti che partecipano alla realizzazione di Neo Dogi è quella di rappresentare appunto quei personaggi che sono all’apice delle più influenti istituzioni di questa Città: personaggi talvolta del tutto oscuri e sconosciuti al cittadino; ma che non di meno ne governano e influenzano la vita quotidiana. Rappresentarli: metterli in mostra, per non dire alla berlina. I Neo Dogi non sono saliti alla loro carica secondo meccanismi più democratici di quanto non accadesse per quelli antichi: decisioni di consigli di amministrazione, equilibri tra sindacati e partiti, perfino deliberazioni pontificie sono quasi sempre all’origine della loro scelta.” http://nuovaicona.org/it/

gazzetta_PP1
La mostra viene inoltre testimoniata con un catalogo in veste particolare, nelle fattezze del quotidiano italiano più antico, la Gazzetta di Venezia, stampato tipograficamente in bianco/nero su carta da giornale e liberamente distribuito presso la sede espositiva. Download PDF: gazzetta_neodogi_light

Artisti in mostra: Alice Andreoli, Alberto Balletti, Qedim Bacci, Chiara Bettoncelli, Alice Biondin, Ana Brumat, Maddalena Checchin, Geng Zhong Qi, Gabriele Grones, Lavinia Longhetto, Chiara Mantello, Sabrina Mocellin, Giacomo Modolo, Jacopo Pagin, Gianluca Rossitto, Gabriele Salvo Buzzanca, Thomas Santelia, Lisa Stefani, Caterina Tomaello Salvi, Marco Trentin, Giulia Vecchiato, Giuseppe Vigolo, Wang Jue, Nicola Zolin

invitoNeoDogi

Qui a seguire le opere di NeoDogi fotografate nell’allestimento sullo sfondo in legno scuro dell’antiche pareti dell’Oratorio di San Ludovico, con i nomi degli artisti e dei personaggi.DSCN0173

DSCN0079Geng Zhong Qi: ritratto di Luigi Brugnaro – Sindaco di VeneziaDSCN0227Alberto Balletti: ritratto di Luigi Brugnaro – Sindaco di Venezia

DSCN0145Giuseppe Vigolo: ritratto di Paolo Baratta – Presidente Biennale VeneziaDSCN0233Maddalena Checchin: ritratto di Vittorio Bonacini – Associazione Veneziana AlbergatoriDSCN0235Gabriele Grones: ritratto di Paolo Costa – Presidente Autorità Portuale di VeneziaDSCN0225Gianluca Rossitto: ritratto di Domenico Cuttaia – Prefetto di VeneziaDSCN0223Sabrina Mocellin: ritratto di Giuseppe Fedalto – Presidente Camera Commercio VeneziaDSCN0232Wang Jue: ritratto di Maurizio Franceschi – Presidente ConfesercentiDSCN0237Alice Biondin: ritratto di Enrico Marchi – Presidente SAVE aeroporto Marco PoloDSCN0234Lisa Stefani: ritratto di Francesco Moraglia – Patriarca di VeneziaDSCN0236Ana Brumat: ritratto di Roberto Papetti – Direttore GazzettinoDSCN0219Alice Andreoli: ritratto di Maurizio Salvalaio – Presidente CasinòDSCN0230Marco Trentin: ritratto di Michael Thamm – A.D. Costa CrociereDSCN0220Gabriele Salvo Buzzanca: ritratto di Damaso Zanardo – Presidente Consorzio Portualità Intermodalità Logistica di Venezia e Treviso e Presidente e titolare Zanardo Servizi Logistici srlDSCN0222Giacomo Modolo: ritratto di Matteo Zoppas – Presidente Con ndustria VeneziaDSCN0221Jacopo Pagin: ritratto di Roberto Zuccato – Presidente Con ndustria Veneto

NeoDogi: tutti i 18 ritratti di Luigi Brugnaro

NeoDogi: le foto dell’allestimento all’Oratorio di San Ludovico

La mostra NeoDogi é stata inaugurata il 4 marzo 2016 all’Oratorio di San Ludovico – Venezia – Dorsoduro 2552 (Calle dei Vecchi)

articolo di Alberto Balletti e Marina Guarneri

Daugavpils Mark Rothko Art Centre: IV International Latgale Graphic Symposium and exibition “MONEY”

Daugavpils Mark Rothko Art Centre:
IV International Latgale Graphic Symposium and exibition “MONEY”

museo

AB.photostory

logoWorkshop

5.-15. 2015., Daugavpils, Latvia

Participants of Symposium:

Anne Louise Blicher (Denmark)

Ann Kerstina Nielsen (Denmark)

Prasad Nikumbh (India)

Alberto Balletti (Italy)

Ieva Caruka (Latvia)

Dārta Hofmane (Latvia)

Jānis Murovskis (Latvia)

Rūdolfs Matīss Trops (Latvia)

Oksana Vronska (Latvia)

Žaneta Jasaitytė (Lithuania)

Senso (Switzerland)

DSCN0047 DSCN0496 DSCN0495 DSCN0053 DSCN0051 DSCN0050 DSCN0049 DSCN0048

12166544_10153285010223667_2002963523_n 12166605_10153285009713667_2007866609_n
DSC_0566 DSC_0587
DSC_0600 DSC_0624 DSC_0699 DSC_0713 DSC_0717 DSC_0719 DSC_0730 DSC_0761 DSCN0055 DSCN0080 DSCN0081 DSCN0082 DSCN0083 DSCN0084

DSCN0256-1 (trascinato) DSCN0090-1 (trascinato) DSCN0107-1 (trascinato) DSCN0090-1 (trascinato) DSCN0107-1 (trascinato) DSCN0120 DSCN0125

DSCN0137b1 DSCN0126 DSCN0126b DSCN0127 DSCN0128 DSCN0129 DSCN0131 DSCN0133 DSCN0135 DSCN0135b DSCN0135c DSCN0135d DSCN0135e DSCN0135f DSCN0135g DSCN0135h DSCN0135i DSCN0135l DSCN0137

DSC_0598 DSCN0137b DSCN0137b1 DSCN0137c DSCN0138 DSCN0139
DSCN0145

20151012_155217

DSCN0209-1 (trascinato) DSCN0213-1 (trascinato) DSCN0229-1 (trascinato)
DSCN0209-1 (trascinato) DSCN0213-1 (trascinato) DSCN0229-1 (trascinato) DSCN0239

DSCN0256-1 (trascinato) DSCN0256-1 (trascinato) DSCN0275

DSCN0287-1 (trascinato) DSCN0287-1 (trascinato) DSCN0295 DSCN0323 DSCN0329 DSCN0367-1 (trascinato) DSCN0391

DSCN0410-1 (trascinato) DSCN0410-1 (trascinato) DSCN0430 DSCN0453 DSCN0570 DSCN0572

DSCN0583

 

 

 
20151014_10015020151014_10015620151014_10021820151014_10024120151014_10032120151014_10034420151014_10040020151014_10044620151014_10045220151014_100452b20151014_100452c20151014_100452d20151014_100452e

DSCN0582

DSCN058020151014_16043020151014_16064520151014_16083120151014_16305220151014_16461820151014_16464420151014_16515420151014_16524420151014_16543320151014_17034220151014_17062820151014_17065320151014_17084020151014_170850

 

 

[MTG 2015] Grand Prix of Young Polish Print – Krakow 2015

gpmgp-plakat300AB.photostory  of the opening Sept 18, 2015 of the exhibition

GRAND PRIX OF YOUNG POLISH PRINT
– KRAKOW 2015

Gallery of the Academy of Fine Arts in Krakow – Krakow, 18, Basztowa Street – exhibition open: September 19 – October 18, 2015

presentation by the President of the International Print Triennial Society in Krakow Marta Anna Raczek-Karcz and the Rector of the Academy of Fine Arts in Krakow
prof. Stanisław Tabisz

00 00b 00c 02 002b 003 004 005 006 20150918_170002 DSCN9251 DSCN9252b DSCN9252c DSCN9252c DSCN9254 DSCN9254b DSCN9254c DSCN9255 DSCN9258 DSCN9259 DSCN9260 DSCN9273 DSCN9274 DSCN9275 DSCN9276 DSCN9277 DSCN9280 DSCN9281 DSCN9282 DSCN9285 DSCN9286 DSCN9291 DSCN9295 DSCN9296 DSCN9299 DSCN9300 DSCN9301 DSCN9303 DSCN9304 DSCN9305 DSCN9306 DSCN9307 DSCN9310 DSCN9311 DSCN9312 DSCN9313 DSCN9314 z z2 z3

[MTG 2015] Main Exhibition of the MTG – Kraków 2015

0

AB.photostory of the opening 18 sept 2015

MAIN EXHIBITION OF THE INTERNATIONAL PRINT TRIENNIAL – KRAKÓW 2015

Bunkier Sztuki Gallery of Contemporary Art – Krakow – pl. Szczepanski 3a – exhibition open: September 19 – October 25, 2015

The President of the International Print Triennial Society in Krakow Marta Anna Raczek-Karcz and the Director of the Bunkier Sztuki Gallery of Contemporary Art in Krakow Magladena Ziółkowska

Jury of the International Print Triennial – Krakow 2015: Alicia Candiani (Argentina) – president of the jury, Vladimiro Elvieri (Italy), Dorota Folga-Januszewska (Poland), Carinna Parraman (Great Britain), Endi Poskovic (USA)
00 0001 0002 0003 0004 0004b 0005 0006 0006b 0007 20150918_181951 20150918_182014 20150918_184207 20150918_184851 20150918_184904 20150918_185004 20150918_185021 20150918_185053 20150918_185104 20150918_185128 20150918_185247 20150918_185323 20150918_185442 20150918_185617 20150918_185639 20150918_185725 20150918_185816 20150918_185917 20150918_185924 20150918_190757 20150918_191012 20150918_191109 20150918_191133 20150918_191151 20150918_191220 20150918_191227 20150918_191420 20150918_193446 20150918_193508 20150918_193513 20150918_193533 20150918_193553 20150918_193612 20150918_193626 20150918_193638 20150918_193822 20150918_193904 20150918_193944 20150918_193944b 20150918_193944c 20150918_194119 20150918_194213 20150918_194251 20150918_194304 20150918_194617 20150918_194626 20150918_194630 20150918_194645 20150918_194650 20150918_194700 20150918_194714 DSCN9331 DSCN9332 DSCN9333 DSCN9334 DSCN9335 DSCN9336 DSCN9337 DSCN9337b DSCN9337c DSCN9338 DSCN9343 DSCN9344 DSCN9348 DSCN9349 DSCN9350 DSCN9351 DSCN9353 DSCN9354 DSCN9355 DSCN9357 DSCN9358 DSCN9359 DSCN9361 DSCN9365 DSCN9366 DSCN9367 DSCN9369 DSCN9372 DSCN9432 DSCN9433 DSCN9434 DSCN9435 DSCN9437 DSCN9438 DSCN9439 DSCN9440 DSCN9441 DSCN9442 DSCN9443 DSCN9444 DSCN9445 DSCN9453 DSCN9454 DSCN9455 DSCN9456 DSCN9457 DSCN9458

 

 

Schermata 2015-09-22 alle 02.56.23Schermata 2015-09-22 alle 02.56.36Schermata 2015-09-22 alle 02.56.56Schermata 2015-09-22 alle 02.57.24Schermata 2015-09-22 alle 02.58.42Schermata 2015-09-22 alle 02.58.59Schermata 2015-09-22 alle 02.59.11z

 

[MTG 2015] Grafika I warsztat – Graphic Art and Workshop

giw_300AB.photostory of the opening 17.09.2015
[MTG 2015] Grafika I warsztat 2015 – Graphic Art and Workshop

Małopolski Garden Art – ul. Rajska 12, Kraków – 18.09.2015 – 16.10.2015

organizator Department of Graphic Art of Academy of Fine Arts of Krakow – curated by Krzysztof Tomalski

artisti:
1. Janusz Akermann
2. Marcin Białas
3. Andrzej Bobrowski
4. Kacper Bożek
5. Marta Bożyk
6. Agnieszka Cieślińska-Kawecka
7. Sławomir Ćwiek
8. Mateusz Dąbrowski
9. Paweł Frąckiewicz
10. Agata Gertchen
11. Zbigniew Gorlak
12. Marcin Hajewski
13. Dariusz Kaca
14. Stefan Kaczmarek
15. Marta Kubiak
16. Tomasz Kukawski
17. Paweł Kwiatkowski
18. Bogdan Miga
19. Dorota Nowak
20. Henryk Ożóg
21. Piotr Panasiewicz
22. Mirosław Pawłowski
23. Piotr Skowron
24. Marcin Surzycki
25. Piotr Szurek
26. Dariusz Syrkowski
27. Krzysztof Świętek
28. Krzysztof Tomalski
29. Wojciech Tylbor-Kubrakiewicz
30. Małgorzata Et Ber Warlikowska
31. Andrzej Węcławski
32. Waldemar Węgrzyn
33. Katarzyna Winczek
34. Tomasz Winiarski
00 0 0003
0005 0006 20150917_200500 20150917_200517 20150917_200535 20150917_200632 20150917_200915 20150917_200926 20150917_201401 20150917_201809 DSCN9087 DSCN9091 DSCN9092 DSCN9093 DSCN9105 DSCN9107 DSCN9108 DSCN9112 DSCN9113 DSCN9121 DSCN9129 DSCN9134 e f g
h h2 q r s t z
Vladimiro Elvieri e Krzysztof Tomalski

Joanna Janowska-Augustyn Tabula Rasa: prints, drawings – Grand Prix Mtg Kraków 2012

Janowska_Augustyn_Joanna_Miserere_rysunek_100_70_cm_2014Il più bel premio che un artista possa ricevere è una mostra personale di livello internazionale in una istituzione che per statuto si dedichi all’arte e alla sua diffusione.  Joanna Janowska-Augustyn ha vinto il Grand Prix della Triennale di Krakow nel 2012 e l’altro giorno ha potuto inaugurare la personale Tabula Rasa nell’edizione della Triennale 2015. La mostra è presentata dal  Director of the International Cultural Centre Professor Jacek Purchla e dal  President of the International Print Triennial Society in Krakow  Doctor Marta Anna Raczek-Karcz.

L’artista ci ha raccontato dei tre mesi di lavoro di allestimento e di cura dello splendido catalogo.  Il lavoro di  Joanna Janowska-Augustyn è molto rigoroso e preciso, curato formalmente in ogni segno e nella scelta della carta su cui sono stampate le immagini. La tecnica del pastello e quella della stampa digitale si immettono   nei vortici nebulosi e al contempo  con tale energia ne fuoriescono in alte frequenze di frammenti cristallini. I corpi che sembrano sprofondare verso fuori dalla superficie risaltano di un nitore che proviene dal loro interno. Le geometrie e i piani che sono in comparazione con i corpi appaiono come un’alternativa imprevedibile ma certa. Come se un’ordine superiore stia per entrarne in possesso, ma elargendo un tempo supplementare, lasci un fiato ancora al godimento. E la scomparsa diviene perfetto buco nero dove la catarsi dei segni attrae e viene attratta, lasciandoci in dietro, dentro il nostro momento di riflessione differita.

1 2 3 4 5 20150917_190111 20150917_190124
c d 20150917_191311f top

Behind the Curtain. Exhibition of prints of jurors and artists – members of the Board of SMTG

zakulisami

AB.photostory of the opening 17.09.2015, 16:00

International Centre for Graphic Arts – Centrum Gallery

18.09.2015 – 30.10.2015

artists

Modhir Ahmed (Szwecja), Andrzej Bednarczyk (Polska), Alicia Candiani (Argentyna), Vladimiro Elvieri (Włochy), Stephen Hoskins (Wielka Brytania), Tomasz Korczyński (Polska), Ingrid Ledent (Belgia), Bogdan Miga (Polska), Richard Noyce (Wielka Brytania), Carinna Parraman (Wielka Brytania), Leonard Pędziałek (Polska), Krystyna Piotrowska (Szwecja), Endi Poskovic (USA), Monika Wanyura-Kurosad (Polska), Lars Yeudakimchikov Malmquist (Szwecja).

aDSCN9022 aDSCN9023 aDSCN9026 aDSCN9027 DSCN9030 DSCN9032 DSCN9034 DSCN9040b DSCN9040c DSCN9040d DSCN9041 DSCN9042 DSCN9043 DSCN9044 DSCN9045

e20150917_165544 e20150917_165607 DSCN9046Schermata 2015-09-21 alle 20.16.46 Schermata 2015-09-21 alle 20.16.59 Schermata 2015-09-21 alle 20.17.20 Schermata 2015-09-21 alle 20.17.40 Schermata 2015-09-21 alle 20.17.54

[MTG 2015] SPHERES OF TAO Far East Graphics – Japan, Korea, Thailand and China

tao-plakat

AB.photostory of the opening 16.09.2015, 19:00

Manggha Museum of Japanese Art and Technology

26 Marii Konopnickiej Street, Kraków – 17.09.2015 – 06.12.2015

Curator of the exhibition  Monika Wanyura-Kurosad
Director of the Manggha Museum of Japanese Art and Technology Bogna Dziechciaruk-Maj – President of the International Print Triennial Society in Krakow Marta Anna Raczek-Karcz

artists

JAPAN: Kumi Sugai, Toshihiro Hamano, Eiko Honda, Junichi Morimoto, Tetsuya Noda, Kaoru Sako, Masahiro Kasai, Masataka Kuroyanagi, Noriko Ogawa, Masahiko Tsubota, Toshio Yoshizumi, Tetsuo Yamashita, Takahiro Aoki
KOREA: Sang-Gon Chung, Tae-Hug Kim, Ja-Hyun Koo, Young Ae Lee, Jeong-Il Hwang
TAJLANDIA: Thavorn Ko-Udomvit, Chalermsak Lattanachun, Vorakorn Metmanorom, Chutchawan Wannapo
CHINA: Man-Lock Poon
HONGKONG: Yip Sun Sun

DSCN8942
DSCN8946

 

20150916_195105 20150916_195211 20150916_195229 20150916_195430 DSCN8919 DSCN8923 DSCN8925 DSCN8926 DSCN8929 DSCN8930 DSCN8932 DSCN8934 DSCN8935 DSCN8939
DSCN8943

98ma Collettiva Giovani Artisti alla Bevilacqua La Masa

98macollettiva

sabato 13 dicembre presso la Galleria di Piazza San Marco inaugura la “98ma Collettiva Giovani Artisti”

13 dicembre 2014 – 11 gennaio 2015
inaugurazione 13 dicembre, ore 12

Sono 18 i giovani artisti e 9 i grafici selezionati per esporre i propri lavori nella 98ma Collettiva.

I nomi dei vincitori delle borse di studio e del premio Regione Veneto, saranno comunicati sabato 13 dicembre alle ore 12.30 durante l’inaugurazione della mostra.

98macollettiva_invito_web

Invito_borsisti_web

giovedì 18 dicembre presso Palazzetto Tito inaugura la mostra “I Borsisti della 97ma Collettiva Giovani”

18 dicembre 2014 – 18 gennaio 2015
inaugurazione 18 dicembre, ore 18

In mostra le opere di Giammarco Cugusi, Veronica De Giovanelli e Graziano Meneghin, gli artisti premiati nella 97ma Collettiva, dopo un anno di lavoro. I tre artisti dialogheranno con gli spazi di Palazzetto Tito attraverso delle istallazioni che metteranno alla prova in modo sperimentale le loro attitudini e ricerche artistiche.

nwl-logo

Artisti selezionati 98ma Collettiva Giovani Artisti Fondazione Bevilacqua La Masa

Schermata 2014-11-09 alle 15.47.23

Artisti selezionati per la 98ma Collettiva Giovani Artisti

Ecco i nomi dei selezionati per la 98ma Collettiva Giovani della Fondazione Bevilacqua La Masa.

In mostra negli spazi della Galleria di Piazza San Marco dal 13 dicembre ci saranno le opere di: Lara Bacchiega, Francesco Battaglia, Enzo Comin, Marco Contino, Massimiliano Gottardi, Andrea Grotto,Annamaria Maccapani, Leonardo Mastromauro, Sissi Cesira Roselli, Simone Santilli e Niccolò Benetton (The cool couple), Miriam Secco, Alberto Sinigaglia, Massimo Stenta, Michele Tajariol, Maddalena Tesser, Adriano Valeri, Marco Maria Zanin, Christian Manuel Zanon

Il vincitore della selezione per la miglior proposta grafica invece è Matteo De Mayda, la cui proposta di immagine verrà riprodotta nell’invito, nel manifesto e nella copertina del catalogo della 98ma Collettiva Giovani. Apprezzate, e quindi in mostra, anche le immagini proposte da Giulia Maria Belli, Pamela Breda, Gianmarco Cugusi, Anita Ferro Milone, Alessandro Fogo, Filippo La Duca con Elena Viero, Giulia Maschio e Mauro Pocobelli

A selezionarli ci ha pensato una giuria composta da Alberto Balletti, docente di incisione dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, Elena Bordignon, giornalista d’arte e fondatrice del sito Art*Text*Pics, Anna Daneri, spazio non-profit Peep-Hole (Milano), Giorgio Mastinu, gallerista, Marco Tagliafierro, curatore, Lucia Veronesi, artista, coordinati da Giancarlo Borile, Presidente f.f. dell’Istituzione che si è avvalso della collaborazione strategica di Stefano Coletto, curatore BLM

Schermata 2014-11-09 alle 15.47.32

La giuria ha individuato anche gli assegnatari delle tre borse di studio conferite dalla Fondazione Bevilacqua La Masa, che oltre a una vincita in denaro daranno la possibilità di esporre nuovamente il prossimo anno in una mostra a loro dedicata.

I nomi dei vincitori dei premi saranno comunicati sabato 13 dicembre alle ore 12.30 durante l’inaugurazione della mostra

98ma COLLETTIVA GIOVANI ARTISTI e ATELIER 2015

banner collettiva

Sono aperti i bandi di concorso della Bevilacqua La Masa dedicati agli artisti emergenti:

98ma COLLETTIVA GIOVANI ARTISTI e ATELIER 2015, 12 studi d’artista ad uso gratuito per un anno

È aperto il bando per partecipare alla 98ma COLLETTIVA GIOVANI della Fondazione Bevilacqua La Masa: il concorso è aperto ai residenti nel Triveneto o ivi domiciliati per motivi di studio, di età compresa tra i 18 e i 35 anni alla data di presentazione delle opere. Sono ammesse tutte le espressioni artistiche. Gli artisti partecipanti dovranno presentare personalmente le proprie opere (tassativamente non più di due) presso la sede della Fondazione Bevilacqua La Masa, palazzetto Tito, Dorsoduro 2826, 30123 Venezia, nei giorni giovedì 23, venerdì 24 e sabato 25 ottobre 2014 (orario 10.00-18.00). Le opere saranno valutate da una giuria qualificata composta da artisti, galleristi e curatori; i lavori selezionati saranno esposti in mostra nella Galleria di Piazza San Marco dal 13 dicembre 2014 al 11 gennaio 2015. Tra gli artisti in mostra saranno individuati i più meritevoli, cui saranno assegnate 3 borse di studio del valore di 3mila e 2mila euro; i vincitori potranno inoltre presentare i propri lavori al pubblico alla fine del 2015 in una mostra ad essi dedicata.

È indetto parallelamente anche il concorso per l’immagine grafica della 98ma Collettiva; il vincitore sarà premiato con 1.000 euro e realizzerà l’immagine per il manifesto, l’invito e la copertina del catalogo della mostra stessa.

È martedì 9 dicembre 2014 la scadenza per la presentazione delle domande per gli STUDI D’ARTISTA 2015 della Fondazione Bevilacqua La Masa.

In conformità a quanto disposto nel testamento olografo della duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, la BLM indice un bando per l’assegnazione a dodici giovani artisti meritevoli di uno spazio a Venezia presso il complesso dei SS.Cosma e Damiano alla Giudecca e presso Palazzo Carminati a San Stae, da adibire a studio per la durata di un anno.

Per partecipare alla selezione, i richiedenti devono avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni alla data del presente bando, risultare residenti o iscritti ad un corso di studi nel Triveneto o aver ivi conseguito un dioploma/laurea negli ultimi 7 anni, disporre di reddito ISEE anno 2013 non superiore ai 30mila euro.

Le domande dovranno pervenire entro il 9 dicembre 2014 presso la Fondazione Bevilacqua La Masa, Palazzetto Tito, Dorsoduro 2826 – 30123 Venezia mediante raccomandata a/r, oppure mediante consegna a mano alla Segreteria della Fondazione, dal lunedì al venerdì, in orario 9.30 – 12.30.

I bandi integrali sono scaricabili dal sito www.bevilacqualamasa.it

POVEGLIA 99EURO x 99ANNI


poveglia1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

POVEGLIA
99EURO x 99ANNI

L’isola di Poveglia, nella laguna di Venezia, antica città nella città, è oggi messa all’asta dal demanio. Potevamo semplicemente assistere all’ennesima vendita di un’isola a qualche albergatore internazionale, o tentare almeno una sortita, un progetto.

E’ per questo che vogliamo provarci: prendere in concessione Poveglia per 99 anni. Vogliamo che rimanga pubblica, aperta, ad uso di tutti. Se ti piace questa idea ti chiediamo di associarti a noi con 99 euro. Se la nostra offerta al demanio sarà la migliore, la comunità dei sottoscrittori, riunita nell’associazione ‘Poveglia’, gestirà democraticamente, a fini pubblici, l’isola. Perciò ci siamo dati dei paletti, un progetto di massima, a cui ti chiediamo di aderire e migliorare con le tue idee.

Quattro i punti fondanti, la carta costituzionale di questo progetto:

1. La parte verde dell’isola sarà dedicata a parco pubblico liberamente accessibile e gratuito, e ad orti urbani.

2. La parte edificata dell’isola, che può produrre utili -le cui caratteristiche e limiti etici decideremo insieme, in coerenza con questi punti fondanti- servirà a ripagare i costi di gestione della parte pubblica.

3. La gestione dell’isola sarà no-profit ed eco-sostenibile. Tutti gli utili saranno quindi reinvestiti sull’isola stessa.

4. Qualora dovessimo vincere l’asta, la quota sottoscritta darà diritto a partecipare equamente alle decisioni sulle sorti di Poveglia ma non è, e non sarà da intendersi, come forma di partecipazione agli utili, né quota azionaria, né fonte di privilegio alcuno per nessun associato.

Oggi perciò ti chiediamo 19 euro per una tessera di iscrizione all’associazione (che andrà a ripagare le spese di registrazione della stessa, del conto corrente, della partecipazione al bando di concessione, ecc) ed una quota di sottoscrizione straordinaria di almeno 80 euro. Qualora, ahinoi, non dovessimo vincere l’asta, al momento del rientro del deposito cauzionale la quota di sottoscrizione straordinaria verrà restituita ai soci.
Si tratta di una sfida: metterci insieme per riprenderci un pezzo di città e gestirlo a fini pubblici.

Vogliamo provarci. Non lasciare che tutta la laguna, pezzo a pezzo, diventi un unico centro alberghiero di lusso.

Sottoscrivi la tua quota. 99 anni di Poveglia libera a 99 euro. Un affare utopico.

Associazione Poveglia
per info e adesioni: associazionepoveglia@gmail.com

http://www.povegliapertutti.org/

poveglia2

 

10330482_1491596847720882_2610701034448834854_n

Il volantino da diffondere: http://www.povegliapertutti.org/img/Poveglia%20-%20non%20ci%20fermiamo.pdf

lectio magistralis Philippe Daverio all’Accademia di Belle Arti di Venezia – Cerimonia inaugurale del 263° A.A.

 

b0

AB.photostory

Cerimonia inaugurale del 263° Anno Accademico  venerdì 14 febbraio 2014 nell’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, ex Ospedale degli Incurabili, Zattere – Dorsoduro 423, Venezia.

Presentazioni del Presidente dell’Accademia Luigino Rossi, del Direttore Prof. Carlo Di Raco e dell’Assessore alla Cultura della Città di Venezia Prof.ssa Angela Vettese.

Lectio magistralis del Prof. Philippe Daverio

c1 c2 c3 c4 c5 c6 DSCN6622 DSCN6625 DSCN6628 DSCN6650 DSCN6663 DSCN6666 DSCN6670 DSCN6671 e0 e1 e2 SAMSUNG

Philippe Daverio con il catalogo Corpo IN/Formazione, international graphic art exhibition che si terrà in marzo al Magazzino3, il padiglione espositivo ai Magazzini del Sale.m2 m3 m4 m5

 

 

Philippe Daverio è l’autore e il conduttore del programma d’arte e cultura Passepartout poi Il Capitale su RAI 3, e di Emporio Daverio su RaiCinque, una proposta di invito al viaggio attraverso le città d’Italia e le unità minori del Belpaese. Collabora con il Corriere della Sera, e con le pagine milanesi dello stesso quotidiano, con la rubrica “La buona Strada”; sempre per il Corriere, collabora anche con “Style Magazine”, e con il quotidiano cattolico “Avvenire”. Svolge parimenti attività di docente: è incaricato di un corso di Storia del design presso il Politecnico di Milano, ed è ordinario di Disegno Industriale presso l’Università degli Studi di Palermo. Da marzo 2008 è il nuovo direttore di Art e Dossier, della casa editrice fiorentina Giunti. Tra le ultime pubblicazioni, nel 2011 è uscito il volume “Il Museo Immaginato”, edito da Rizzoli, e nel 2012 il volume “Il Secolo lungo della Modernità”, sempre edito dalla stessa casa editrice, con cui nel 2013 ha pubblicato “Guardar lontano veder vicino. Esercizi di curiosità e storia dell’arte”. 

Il giudizio di Paride, 1515

paride
Il giudizio di Paride, 1515
Raimondi Marcantonio; Sanzio Raffaello; Dente Marco (attr.)
stato unico (secondo Massari)
Autore: Raimondi Marcantonio
Periodo di attività: 1482 ca./ 1534 ca.
Motivazione dell’attribuzione: monogramma
Autore: Sanzio Raffaello
Periodo di attività: 1483/ 1520
Motivazione dell’attribuzione: iscrizione
incisore: Dente Marco
Periodo di attività: 1493 ca./ 1527
Motivazione dell’attribuzione: analisi stilistica
 
iscrizione in latino in basso verso destra: RAPH VRBI/ INVEN/ MAF
in francese a matita sul supporto, in basso verso il centro: MARCHANTONIO – LE JUGEMENT DE PARIS
 
bulino
Parte incisa: mm. Altezza 287 Larghezza 368
misure foglio
mm. Altezza 291 Larghezza 370

Sislej Xhafa performance at The Italian Pavilion at the 55. International Art Exhibition la Biennale di Venezia

 

Sunday 25 August 2013, from 10.00 to 18.00 hrs

Venice (Giardino delle Vergini, Arsenale)

Sislej Xhafa

PRESS RELEASE

Sislej Xhafa performance at The Italian Pavilion at the 55. International Art Exhibition la Biennale di Venezia

Following the public success during the opening days of la Bienale di Venezia, on Sunday August. 25 Sislej Xhafa – one of the 14 artists of Bartholomeo Pietromarchi’s vice versa exhibition – will repeat the performance Parallel Paradox, where a hairdresser will cut the hair of ‘his clients’ amongst the branches of a tree.

 By decontextualising this transaction, Xhafa’s performance both underlines and amplifies the social and symbolic value of a place where the private and intimate gesture of cutting hair is accompanied by the opportunity for discussion, for sharing, and where traditionally one also forms a public opinion.

To participate in the performance write to:

parallelparadox@galleriacontinua.fr

AB.photostory: FORwART works from the Department of Visual Arts – Academy of Fine Arts in Venice

FORwART

Opere dal Dipartimento delle Arti Visive – Accademia di Belle Arti di Venezia

Works from the Department of Visual Arts – Academy of Fine Arts in Venice

nel rinnovato spazio espositivo al Magazzino del Sale n°3 di Venezia

Dorsoduro 264 Zattere

26 luglio 2012, h 17:30

espongono:
Sayed Abdellattef, Dario Antonini, Bertoldo, Giulia Bertolin, Chiara Bugatti, Giulia Buono,Andrea Faleschini, Fassina, Elisa Giacometti, Elisabetta Gomirato, Stefania Laccu, Niccolò Maddalin Chiaffoi, Serena Meneghetti, Elia Michelazzo, Sofia Olmeda, Simon Perathoner, Giusva Pinato, Cristina Porro, Jasmina Rojc, Veronica Ruffato, Melissa Siben, Benedetta Socal, Tommaso Squaiera, Danilo Stojanovic, Tarlao, Tettina, Zheng Tianming, Xiao Ting Li, Matteo Valerio, Ana Valter, Massimiliano Zinnanti
DSCN4000
 
 
 

DSCN4001
DSCN4002 DSCN4004 DSCN4123 DSCN4124 DSCN4127 DSCN4129 DSCN4135 DSCN4139 DSCN4140 DSCN4143 DSCN4144 DSCN4145 DSCN4146 DSCN4147 DSCN4148 DSCN4149 DSCN4150a DSCN4150b DSCN4151 DSCN4152 DSCN4152b DSCN4153 DSCN4154 DSCN4155 DSCN4156 DSCN4157 DSCN4158 DSCN4159
DSCN4161
DSCN4162 DSCN4165 DSCN4166 DSCN4167 DSCN4168a DSCN4168b DSCN4168c DSCN4169 DSCN4170 DSCN4170a DSCN4170b DSCN4170c DSCN4171a DSCN4171b DSCN4172 DSCN4173 DSCN4174 DSCN4175a DSCN4175b DSCN4175c DSCN4175d DSCN4176 DSCN4177a DSCN4177b DSCN4177c DSCN4177d DSCN4178 DSCN4179 DSCN4182 DSCN4183 DSCN4184 DSCN4185 DSCN4186 DSCN4187 DSCN4189 DSCN4191 DSCN4192

FORwART nel rinnovato spazio espositivo al Magazzino del Sale n°3 di Venezia

testa_forwartforwart1

FORwART

Opere dal Dipartimento delle Arti Visive – Accademia di Belle Arti di Venezia

Works from the Department of Visual Arts – Academy of Fine Arts in Venice

nel rinnovato spazio espositivo al Magazzino del Sale n°3 di Venezia

Dorsoduro 264 Zattere

26 luglio 2012, h 17:30

espongono:
Sayed Abdellattef, Dario Antonini, Bertoldo, Giulia Bertolin, Chiara Bugatti, Giulia Buono,Andrea Faleschini, Fassina, Elisa Giacometti, Elisabetta Gomirato, Stefania Laccu, Niccolò Maddalin Chiaffoi, Serena Meneghetti, Elia Michelazzo, Sofia Olmeda, Simon Perathoner, Giusva Pinato, Cristina Porro, Jasmina Rojc, Veronica Ruffato, Melissa Siben, Benedetta Socal, Tommaso Squaiera, Danilo Stojanovic, Tarlao, Tettina, Zheng Tianming, Xiao Ting Li, Matteo Valerio, Ana Valter, Massimiliano Zinnanti

S.I.T.E.S all’Accademia di Belle Arti di Venezia

sites1

S.I.T.E.S Stories Interactivity Temporary E-ducation Space – Aula Magna dell’Accademia di Venezia, martedì 23 e mercoledì 24 aprile 2013

Due giorni intensi di incontri e confronti intorno ai nuovi modi di documentazione, comunicazione e produzione on web dei linguaggi artistici contemporanei. Una ventina di interventi a sondare la grande ricchezza di esperienze che vengono maturando nel mondo che ha sostituito gli atomi con i bit come aveva preconizzato Negroponte. Ma si può ancora parlare di una realtà virtuale distinta da quella che abbiamo intorno? Oppure è nell’ormai continuo interscambio fra la rete e la realtà che si stanno generando le nuove modalità non solo della partecipazione, ma anche della creatività contemporanea?

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, in quattro sessioni sia alla mattina che al pomeriggio nell’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Venezia saranno aperti al pubblico gli incontri di S.I.T.E.S Stories Interactivity Temporary E-ducation Space.
Intervengono: Giulio Alessandri, Michela Arfiero e Giovanni Pozzi, Gianfranco Bettin, Marco Biraghi, Elena Bordignon, Riccardo Caldura, Alberto Giorgio Cassani, Vincenzo Chiarandà e Anna Stuart Tovini, Michael Connor, Luca Farulli, Monika Fleischmann e Wolfgang Strauss, Alessandro Fossato, Manuel Frara, Daniele Gasparinetti, Filippo Innocenti, Lisa La Pietra, Alessandro Ludovico, Marotta&Russo, Guido Molinari, Fabrizio Panozzo, Elisa Pierandrei, Valentina Tanni

sites1treep12