Angelo Capasso SADIESFACTION seduzione, economia, arte

0
535

angelo capasso

SADIESFACTION seduzione, economia, arte

« La relazione che l’arte instaura con il mondo è una relazione basata sulla seduzione »

comunicato stampa: Il titolo del libro è generato dalla crasi di due termini molto lontani tra loro: Sade e Satisfaction. “Sade” è l’abbreviazione di Donatien-Alphonse-François de Sade – il cui nome è all’origine del vocabolo ‘sadismo’ –, più noto come il Divin marchese, scrittore, filosofo e aristocratico francese, autore di diversi libri erotici e di alcuni saggi filosofici, considerati da André Breton “la più  autentica anticipazione di Freud e di tutta la psico-patologia moderna”. “Satisfaction” invece è il titolo del brano più rivoluzionario del rock’n’roll, la canzone dei Rolling Stones che nel 1965 scalò le classifiche di tutto il mondo con un refrain alquanto trasgressivo per i tempi perché cantava i tentativi falliti di raggiungere la soddisfazione (sessuale), sottolineando quell’irrequietudine che sarà alla base del rock e delle tendenze culturali giovanili degli anni Sessanta. I due termini insieme sono la trama di una tela sfrangiata e sottile su cui poggia l’economia dell’arte: tra il sadismo (il godimento erotico feticista che trasforma l’altro in oggetto senziente e remissivo) e la ricerca indefinita di soddisfazione propria del nostro tempo. L’opera d’arte è una seconda natura. Nasce dal lavoro dell’artista e instaura una serie molteplice di relazioni di genere diverso, attraverso cui presenta le proprie sfaccettature. Al tempo stesso la natura economica è una componente intrinseca all’arte. Questa sua qualità ci rivela delle peculiarità inattese e riflette anche delle specificità proprie dell’economia, quando questa non riguarda oggetti industriali, ma un oggetto del tutto originale, nel modo in cui l’economia può interpretarlo. In questa stagione di crisi, analizzare la natura economica dell’arte può essere un modo per rivedere le qualità proprie dell’arte e ridisegnarne la complessità, ma può soprattutto essere un modo per ripensare l’economia stessa. Sadiesfaction è un’opera che si occupa della natura economica dei fenomeni artistici e dimostra la differenza sostanziale che esiste tra l’economia industriale e l’economia del bene culturale, anche quando si manifesta sotto la forma del simulacro del prodotto industriale. Sadiesfaction è un libro pensato e costruito da un critico d’arte che per formazione e scelte di ambiti di ricerca ha sviluppato negli anni una precisa riflessione sul marketing dell’economia industriale: sorprendentemente la “seduzione dell’arte” non è più solo quella attribuita all’esteta, ai galleristi e mercanti, ma si apre a un nuovo confronto teorico ed estetico tra critica e pensiero economico.

angelo capasso (Roma 1966) Critico d’arte, docente e curatore di mostre. È direttore editoriale di «Exibart», membro del Comitato scientifico e curatore della Collezione Farnesina Design, e Segretario dell’AICA. È docente di Arte Contemporanea, Economia e Mercato dell’Arte e Nuovi Media presso La Sapienza, Roma, l’accademia BB.AA. di Roma, Perugia, Urbino, il  Conservatorio Tartini di Trieste, l’Istituto Europeo di Design di Roma, la LUISS Management, Roma. Ha pubblicato diversi libri tra cui: ABO. Le arti della critica (2001); AA. L’arte per I’arte (2002); Ombre e fantasmi (2004); Opere d’arte a parole (2007); L’orlo del vuoto. Vita arte e morte di Luigi Di Sarro (2008); (con Paolo Balmas) Arte e le teorie di turno. Omaggio a Achille Bonito Oliva (2011). Ha collaborato con RAI News 24, RAI Sat Arte, RAI Utile, RAI DOC, FoxLife.

:duepunti edizioni presenta: sadiesfaction seduzione, economia, arte
Collana Argonauti (AN2); pagine 320; prezzo € 20,00; con 45 tavole; isbn 978-88-89987-65-0.
in libreria il 05 OTTOBRE 2011

Un ricordo particolare va a Vettor Pisani che nei mesi che hanno anticipato la Sua tragica scomparsa, ha seguito con partecipazione la lavorazione di questo libro ed è autore dell’immagine di copertina con una sua opera originale.