Praga espone l’eros al Sex Machines Museum

0
573

Il Sex Machines Museum di Praga si trova vicino a piazza della Città Vecchia, quella dell'orologio astronomico, ed espone oltre 200 oggetti erotici: dai falli in vetro di Murano alla riproduzione del sandalo della prostituta greca che imprimeva nel terreno la scritta "Seguimi". Una parte della collezione accumulata dal proprietario, l'italiano Oriano Bizzocchi, si trova nel magazzino accanto al suo ufficio e verrà messa nelle vetrine con la ristrutturazione prevista per quest'anno. In parte, non tutta: perché il trovarobato erotico di Bizzocchi ormai ha raggiunto le dimensioni della Wunderkammer di Rodolfo II.

C'è un vibratore a vapore del XIX secolo con motore a carbone che non doveva essere molto discreto e serviva ai medici per curare l'isteria nelle donne con la masturbazione terapeutica. Più recenti le realizzazioni di un inventore ucraino che ha prodotto una bici da camera con un fallo al posto della sella che va su e giù pedalando. Spinning erotico! Le budoir dolls, bellissime bambole da bordello tutte truccate e riccamente vestite, risalgono al periodo a cavallo tra '800 e '900 e vengono dagli Stati Uniti. Come il teatrino per intrattenere gli ospiti con tre marionette erotiche: una coppia che fa l'amore in una stanza e un uomo che guarda e si tocca nell'altra. Si muovono girando la manovella. Tornando al presente, c'è un travestimento da cavallo per i pony boy e girls, uomini e donne che amano addobbarsi come equini e farsi trattare come tali. "Esistono hotel in Svizzera con stalle attrezzate per questa perversione" dice Bizzocchi. Altro che stelle, oggi in un hotel si cercano le stalle. "Abbiamo anche i travestimenti da cane che consente qualche sfumatura in più perché ci sono cani di tutte le taglie e temperamenti".

Gli oggetti sono stati acquistati da antiquari e su e-Bay, quello americano non italiano, e provengono dall'Europa ma anche dagli Stati Uniti e Australia. Diversi oggetti sono riproduzioni create per il museo, come le cinture di castità maschili e il fallo di pietra preistorico. L'originale, scoperto l'anno scorso vicino a Ulm (Germania), risale a 28 mila anni fa ed era frantumato in 14 pezzi. Quando il museo sarà rinnovato, video interattivi spiegheranno il funzionamento degli oggetti, la visita sarà ancora più istruttiva. E divertente. Lo scopo del proprietario è soprattutto divertire. Come si diverte il pubblico guardando i film porno degli anni '20 che appartenevano alla corte spagnola con donne grassissime e piene di cellulite, altro che modelle anoressiche. Bizzocchi viene da una lunga esperienza nei parchi di divertimento dell'Emilia Romagna, si è fatto un nome portando a Rimini il King Kong del film e facendo il pieno di visitatori, poi ha aperto a San Marino il museo delle curiosità, con gli oggetti più strani e riproduzioni di nani e giganti da Guinness. "E' lì che ho iniziato a collezionare oggetti erotici e ho coltivato l'idea del museo di Praga" racconta.

A proposito di religione, inquieta un clistere che veniva usato per battezzare i bambini morti dentro l'utero materno. Attraverso il sesso si percorre la storia della civiltà e attraverso le stranezze quella della normalità. Bizzocchi ha stanato una ditta praghese che produce parrucche pubiche. Ma i peli sono veri? "Si fanno con i capelli" dice Bizzocchi. "I clienti sono in gran parte gli orientali che hanno vergogna della loro pelle glabbra, soprattutto i giapponesi, e considerano virile avere molti peli". Bisognerebbe fare cambio con l'Occidente dove si soffrono pene d'inferno per depilarsi. Ma chi sono i visitatori del museo? "Un po' a tutte le nazionalità, tedeschi, italiani, francesi, ungheresi. Con una prevalenza negli ultimi tempi di russi". E, a sorpresa, sono spesso le donne a trascinare dentro gli uomini.

Sex Machines Museum, via Melantrichova 18, Praga, tel. (+42) 02.27186260, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 23.

www.sexmachinesmuseum.com