Marabù vizi e virtù

0
754

Inaugura sabato 9 febbraio 2013 presso la Galleria dell’Incisione di Brescia

dal comunicato stampa

“Marabù, vizi è virtù”: il  marabù, animale dalle singolari sembianze, associato nei secoli a diversi valori, é stata un’importante fonte di ispirazione nell’opera di Richard Müller, grande disegnatore e incisore del simbolismo mitteleuropeo. Müller, attivo tra fine Ottocento e prima metà del Novecento, seppe interpretare con sapienza e ironia vari soggetti del mondo animale: tra i prediletti e i più rappresentati c’è proprio il marabù che, inserito in  composizioni ricche di simboli e allegorie, dà vita ad atmosfere stranianti.  A seconda dei casi, l’immagine del marabù diventa in Müller allegoria erotica, epifania del male, o personificazione dei vizi e delle virtù umane.


Attorno alle incisioni di Müller lavori di suoi contemporanei: Martin Erich Phillipp, suo allievo, Moritz Geyger e Louis Moe. Il marabù è inoltre rappresentato nell’opera di alcuni autori contemporanei: Carol Berényi, Giorgio  Bertelli,  Franco  Fanelli, Giuseppe  Gallizioli,  Quentin  Garel,Giorgio Maria  Griffa, Ana  Kapor, Franco  Matticchio, Vladimir  Pajevic, Sebastiano Ranchetti, Virgilio e Marco Zuppelli.