Irene Fanizza: Comunicare vuol dire riuscire a stare dentro e fuori dalla scatola

0
167

Abbiamo fatto a Irene Fanizza, giovane fotografa e mediatrice culturale, le nostre domande esplorative del territorio artistico che ruota attorno e dentro Venezia. Il suo punto di vista è molto interessante e strategico

Parlaci del tuo lavoro, del tuo punto di vista dall’interno della cultura contemporanea, sull’importanza del tuo ruolo relazionale con l’ambiente dell’arte in generale e con gli artisti in particolare.

Beh, il mio lavoro è quello di comunicare, farlo all’interno dell’arte contemporanea vuol dire fare un servizio che è al 100% per il pubblico, non per l’artista. Il mio pensiero, tra il banale e il superficiale, è che l’arte oggi non può esistere senza spettatore. Nel momento zero in cui l’opera viene messa in mostra, e ci vuole l’onestà di dire che l’arte oggi punta solo a questo, esiste solo così, vista, recepita e contemplata.

Le mie foto sono così, cercano di mostrare il rapporto tra spettatore e opera, come l’uno interagisce con l’altro.

Quando non comunico per l’arte, ma solo per me stessa, le mie foto cercano di rispecchiare i posti che visito, cercando di trasmettere qualcosa che vada al di là della foto stessa, nei miei reportage ci sono tante persone, adoro le persone è vero, ma la mia formazione storico/artistica, mi lega anche e ancora ai beni culturali.

Ci puoi dire qual’è la tua esperienza dal punto di vista dentro e fuori il “sistema” dell’arte e/o dentro e fuori l’Italia le problematiche veneziane e/o italiane?

Comunicare, in tutti i campi e anche nell’arte, vuol dire riuscire a stare dentro e fuori dalla scatola allo stesso tempo, riuscire a vedere costantemente entrambi i lati di un muro. Da dentro, il problema è che non ci si preoccupa di come il fuori possa vedere il dentro. L’arte e l’artista vedono se stessi spesso come irraggiungibili, quindi trovano superfluo fornire informazioni che non siano solo autoreferenziali. Il fuori invece, si aspetta delle risposte, delle informazioni, vede che il dentro non lo ritiene all’altezza di poter comprendere, ed è l’errore più comune, considerare uno spettatore troppo stupido per capire. Il fuori invece esige, soprattutto se ha pagato il biglietto per entrare dentro, che gli vengano date le informazioni necessarie per formarsi un’opinione, e spesso la sola opera, soprattutto oggi, non è sufficiente.

Dentro e fuori l’Italia, beh, posso dire che il fuori è notevolmente più interessato all’arte contemporanea. Uscita ora da un’esperienza internazionale, anche se in Italia, mi trovo nella posizione di poter dire, che di base, l’italiano è più svogliato, ha meno interesse a interagire. Tutto ciò è il riflesso perfetto dell’organizzazione stessa, in Italia è più raffazzonata, meno precisa, un luogo comune troppo spesso confermato. Fuori si da peso anche alle più piccole cose, cose che non penseremmo mai di considerare, ma il riflesso qua, è un pubblico più attento, che riesce ad uscire da una mostra veramente arricchito, e non solo per poter dire di esserci stato.

Raccontaci in breve come ti relazioni con Venezia, come il tuo lavoro di artista si lega alla città.

Venezia è il bacino perfetto dove far vivere l’arte contemporanea, il contrasto tra antico e moderno rende il tutto molto suggestivo e completo, un museo storico che è la città stessa, che all’interno ha realtà moderne e internazionali di altissimo livello. Venezia facilita molto il mio lavoro, di fotografa e mediatrice, in qualsiasi altra città non avrei le stesse possibilità, bisogna solo abbandonarsi allo stretto abbraccio dei turisti, senza di loro, le persone come me non potrebbero lavorare.

Una battuta sulla 56th International Art Exhibition – la Biennale di Venezia

Vi riporto due frasi che mi hanno detto, quando lavoravo ai Giardini, due turisti, in momenti diversi e di paesi diversi.

– Questa è una cagata colossale. –

– Così snob, così egoista e arrogante questa biennale, sono venuto da New York per niente. –

irene fanizza

Irene Fanizza / F.IRE INSIDE, nata a Casarano (LE) vive a Padova www.insidefire.co.uk

biennale3biennale1 biennale2 biennale4 Kumluca Londra Perge pTurchia tdarsena tegypt zrome zrome3